Un Paese in cui anche i magistrati sono corrotti è un Paese marcio che più marcio non si può.

Di Tiziana Moro:

“Se sono corrotti anche i magistrati vuol dire che questo è un Paese marcio che più marcio non si può.

Per questo non potrò mai perdonare chi non ha sostenuto un MoVimento pulito e onesto.

Vi hanno fatto antipatia quei ragazzi con la barba imperfetta, con i curricula che non contemplavano pregresse posizioni di potere. Avete avuto da ridire sul fatto che molti loro avessero fatto, da ragazzi, gli steward o che abitassero nelle case popolari.

E la cosa che mi fa più schifo di voi, voi che avete alzato il dito contro questi ragazzi, gridando allo scandalo, è che la vostra antipatia nei loro confronti è inversamente proporzionale ad ogni piccolo tratto, segnale, prodromo di una loro presunta “normalizzazione”.

Tenetevi i vostri magistrati corrotti, perfino al CSM o al Consiglio di Stato ce n’è. Tenetevi i manager pubblici, i direttori della Asl, i manager della sanità privata che fanno affari a suon di mazzette, sulla pelle dei vostri concittadini.

Mi fate orrore.”