APRIRE SEDI DI INCONTRI PER I CITTADINI NEI TERRITORI, utilizzando i tagli degli stipendi dei portavoce M5S

Con i tagli degli stipendi dei portavoce M5S, APRIRE SEDI DI INCONTRI PER I CITTADINI NEI TERRITORI.
questo e’ quello che propone il Signor Giuseppe Badalucco in un post su facebook.

In un commento sul post Meri Mei scrive:

“Il territorio va seguito la gente deve essere informata diritto il RDC c’è gente che nemmeno da come funziona si deve ritornare a fare informazione porta a porta seguire che a mio avviso è stato trascurato !”

Noi lo abbiamo chiamato “punto di incontro”, scrive ‎Giusi Messina‎ in un altro post ancora su facebook . Ce lo paghiamo con fatica, ma non ci rinunciamo. Lì dentro abbiamo fatto i programmi elettorali, abbiamo organizzato le trasferte per le varie Italia a cinque stelle, apriamo ai cittadini due volte a settimana e stampiamo il nostro “Non corriere delle stelle” per informare i cittadini che non usano Internet. Si può fare lo stesso in una pizzeria, al bar o per strada? Direi di no. Le sedi servono, e serve un aiuto per tenerle aperte.

Alcuni dei commenti letti su facebook:

Non c’è tempo da perdere, se vogliono salvare il movimentoci ci dobbiamo muovere tutti !!

Lo spirito la volontà degli attivisti c’è….occorrono i mezzi che non abbiamo