La reazione su Bibbiano

Franceschini dichiara che il Movimento è diverso dalla Lega. Un genio. Un degno esponente di quei dinosauri che invece di ritirarsi nelle loro tenute a godersi il benessere, si ostinano ad imporci la loro presenza. Un supplizio. Il Pd mira alla distruzione del Movimento 5 Stelle fin dalla sua nascita. Perché fascista, perché pericoloso populista e antisistema, perché Berlusconi è meglio di Di Maio, ma soprattutto perché a sentir loro, il Movimento è privo di una classe dirigente all’altezza. Per anni il Pd ha dato lezioni di buona politica al Movimento ed ha predicaco sull’importanza della selezione della classe dirigente. Che deve essere di qualità, che deve essere preparata. Già, come la loro. Poi però a furia di scandali il Pd ha intasato le patrie galere. Poi però il Pd è ancora ostaggio degli stessi dinosauri da decenni, poi però scoppiano orrori come a Bibbiano e il Pd balbetta e con la complicità dei loro amichetti dei giornali prende le distanze, minimizza, parla d’altro. Ormai si è capito, Zingaretti non è certo una cima. Ma non ci vuole il quoziente intellettivo di astronauta per capire che quello che scandalizza sulla vicenda di Bibbiano, è la reazione del Pd. Troppo timida. Un partito sano sarebbe corso sul posto e avrebbe espulso tutti gli esponenti coinvolti ed azzerato il partito locale. Avrebbe denunciato i propri esponenti coinvolti e quelli che hanno dormito, non Di Maio. Quello della “reazione” è un punto fondamentale che i vecchi partiti come il Pd non vogliono capire. Che ladri e mafiosi e maniaci s’infiltrino nella politica è fisiologico. I tafani non riesco a resistere al richiamo del letame. Per prevenirlo, però, le forze politiche possono dotarsi di regole d’ingresso rigide e trasparenti. Come ha fatto il Movimento. E quando questi tafani vengono scoperti, vanno immediatamente cacciati e perseguiti. Perché hanno tradito i cittadini, perché hanno imbrattato la reputazione di quella forza politica e per scoraggiare altri tafani malintenzionati. Cosa che il Pd non ha fatto nemmeno a Bibbiano, nemmeno di fronte ad uno degli scandali più squallidi e spaventosi mai avvenuti. Non ci vuole un quoziente intellettivo da astronauta per capire che se ti limiti alle solite frasi fatte e al nauseabondo politichese, sembra che vuoi nasconderti, sembra che vuoi tutelare l’immagine del partito invece che la verità, invece che i bambini. Dopo il 4 marzo, era lecito attendersi che tutti i partiti si adeguassero agli standard etici introdotti dal Movimento nella selezione della classe dirigente e nella reazione verso i tafani, ed invece se ne sono tutti fregati e continuano ancora a far prediche mentre riempiono le galere di loro affiliati. Altro che allearsi come dice il dinosauro Franceschini. Il Pd punta alla distruzione del Movimento fin dalla sua nascita. Il Movimento deve contraccambiare e mirare alla scomparsa del Pd, il partito più fallimentare della storia repubblicana.

Tommaso Merlo

http://www.tommasomerlo.it

67124347_2641830795829466_5248437614666579968_n.jpg