gli anti-italiani

di Francesco Erspamer :

Mi pare ovvio che gli anti-italiani, quelli che negli anni novanta ci trascinarono nell’euro perché si fidavano di più dei tedeschi e degli olandesi e che oggi vogliono americanizzare il nostro paese (ossia privatizzarlo perché la colpa è sempre e solo dello Stato), su facebook gridino “free captain Rackete” — in inglese, intendo, mica in italiano, lingua provinciale, marginale e forse leghista. D’altronde non si rivolgono ai loro connazionali, che disprezzano, bensì alle multinazionali che li finanziano e ai grandi network della disinformazione, che danno e daranno loro visibilità come l’hanno data a una viziata figlia di papà scesa dalla Germania per imporre la sua idea di umanità e civiltà a chi vorrebbe vivere in altro modo ma non gli è consentito perché per gli integralisti della correttezza politica e dell’omogeneizzazione globalista si può solo essere come vogliono loro o si è fascisti e razzisti, e le leggi che loro infrangono sono tutte sbagliate e dunque da infrangere senza conseguenze, quelle che loro si inventano (generalmente “universali” benché mai votate da alcun popolo) sono invece sacre. Odio i fanatici e molto di più i fanatici che si autoproclamano depositari e unici intepreti della giustizia.