E così è tornato all’ovile… il pollo.

di Rossella de Angelis:

Ha iniziato la crisi dicendo di voler correre alle elezioni da solo, ha continuato strizzando l’occhiolino a FdI, è finito annunciando una grande coalizione allargata del centro destra anche con FI.
La solita.

Man mano che scendeva al Sud per “capitalizzare” il suo consenso elettorale ha capito che da solo non può vincere.

E così torna a rivolgersi ai suoi vecchi “amici”, quelli che durante tutta la durata del governo lo pressavano perché con noi non poteva restituire quanto promesso loro, loro che gli hanno consentito la sua posizione.
Loro che all’interno del partito della Lega al governo avranno piazzati i loro garanti per controllarlo, ricattarlo addirittura fino a farlo cadere.
Questo è il sistema.
Si chiamano affari, solo di questo si tratta.

Gli altri partiti lo avrebbero sostenuto solo a patto che restituisse ciò che avevano concordato tra loro. .
Non c’entra niente tutto questo schifo con il bene del paese.
Ma con noi i loro “affari” sarebbero saltati, tutti.
Perché passi quell’orrendo decreto sicurezza , che il Ministro della Lega in carica voleva, chi avrebbe garantito gli affari di FI e FdI?
Noi NO.

Vogliamo il taglio dei parlamentari, la riforma della giustizia, vogliamo aumentare gli stipendi, vogliamo togliere le concessioni delle autostrade alla Benetton, migliorare il reddito di cittadinanza, puntare sulla Sanità Pubblica, far partire i cantieri che davvero servono, non le grandi opere inutili!

Queste leggi sono controproducenti per gli affaristi.
Secondo il sistema i soldi devono servire ad altro, non agli Italiani!

E così è tornato all’ovile… il pollo.

È più semplice di quanto si pensi.

Bravo! Torna all’ovile.
Meno uno.

Germana Di Pietro