Dichiarazioni alla stampa di un sempre più spettacolare Presidente del Consiglio Giuseppe Conte

di Claudia Cucuccio:

Dichiarazioni alla stampa poco fa di un sempre più spettacolare Presidente del Consiglio Giuseppe Conte dopo che il ministro dell’Interno Salvini ha incontrato le parti sociali (presente anche Siri…):

“Che un leader di una forza politica voglia incontrare le parti sociali la ritengo una cosa buona e giusta, anzi anche il ministro e vicepresidente Di Maio potrebbe fare altrettanto col MoVimento 5 Stelle.
Se però oggi qualcuno pensa che non solo si raccolgono le istanze da parte delle parti sociali, si raccolgono quindi le loro proposte, ma anticipa temi e dettagli di quella che ritiene dovrebbe essere la materia economica, ecco questo non è corretto affatto, si entra sul terreno di scorrettezza istituzionale.
Anche perché – evidentemente l’ho già detto – la manovra economica vien fatta qui col ministro dell’Economia e tutti gli altri ministri interessati, non si fa altrove, non si fa oggi, e i tempi – tengo a precisarlo – li decide il presidente del Consiglio sentiti gli altri ministri in primis il ministro dell’Economia. I tempi non li decidono altri, se si lavora d’estate, d’inverno o in autunno.

Su Siri presente al tavolo, Conte risponde:
“Siamo nella logica di un incontro di partito? Ci sta bene la presenza di Siri. Siamo nella logica di un incontro governativo? Non ci sta bene la presenza di Siri.”

Sui possibili fondi russi alla lega precisa:
“Noi dobbiamo trasparenza ai cittadini, quindi tutte le occasioni e tutte le sedi, in primis il parlamento, sono le sedi giuste per onorare queste linee guida.
A chi gli chiede se Salvini dovrebbe riferire in Parlamento, risponde secco:
“E perché no.”
La frase secondo cui Salvini dice che Conte è stato sleale e che lo ha pugnalato alle spalle viene smentita categoricamente dal Presidente del Consiglio che dichiara che Salvini non l’ha detta né pensata e che è una cosa che “non sta né in cielo né in terra”.

Infine dichiara strepitoso:
“Le nostre linee guida, che sia ben chiaro, sono assoluta trasparenza nei confronti dei cittadini italiani, assoluta fedeltà agli interessi nazionali, e non ci smuoveremo. Questo Governo non si muoverà da queste linee guida di un millimetro, voglio esser chiaro.”