Alberto Giardini

C’era una volta un palloncino floscio, di un colore verde scialbo

Di Alberto Giardini C’era una volta un palloncino floscio, di un colore verde scialbo e viveva annoiato in una zona arcaica e sorniona del nord chiamata Legalandia. Trascorreva le giornate nell’ammirazione contemplativa di 5 stelle alte nel cielo. “Come brillano!” pensò con occhi lucidi, “Vorrei tanto luccicare quanto loro!”. Fu così che inizio ad inglobare aria a più non posso, aria fritta, s’intende! E salì altissimo nell’aere, un verde pallone gonfiato, enorme, smisurato e più saliva e più risplendeva di luce riflessa dalle 5 stelle; riuscivano a vederlo a kilometri di distanza pure al sud e l’incanto era grande per quanto inusuale.

Pasqua e il macabro cerimoniale dell’agnello sacrificale

di Alberto Giardini Arriva Pasqua e come consuetudine si rispolvera il macabro cerimoniale dell’agnello sacrificale, in nome di una storica tradizione religiosa. Non un massacro spirituale ma più realisticamente un capriccio del benessere, l’opportunità di esibire una abitudine del tutto anacronistica. Folclore lontano; secondo alcuni storici, la carne d’agnello era una pietanza presente durante l’Ultima Cena, dunque Cristo se ne cibò? Lo stesso Cristo afferma però che “Nessun sacrificio di sangue di animali o uomini, può togliere alcun peccato”.

Sanità: arrestati segretario Pd e assessore regionale dell'Umbria

di Alberto Giardini: Ero preoccupato, ma come un fulmine a ciel sereno ritorna l’ordinario; arrestati Giovanni Bocci, segretario PD dell’Umbria, con Luca Barberini, assessore umbro PD alla sanità; come ciliegina sulla torta, indagata pure la presidente PD della Regione Umbria, Catiuscia Marini. Abuso d’ufficio, favoreggiamento e falso, i gravissimi capi d’accusa. Chi avrà ora più indagati e condannati, Forza Italia o PD? Difficile avere una statistica aggiornata, entrambi se la giocano bene; un regalo l’avrà il PD che nel prossimo sondaggio di Mentana salirà vertiginosamente, ma sono sicuro che Forza Italia non mollerà la presa.

Accisa, la voragine assassina!

di Alberto Giardini: “Accisa, la voragine assassina!”. Potrebbe essere il titolo suggestivo di un film horror anni 50, invece è la triste realtà, è il buco nero dove i governi passati hanno trascinato ogni genere di imposta, le più gravose quelle sulla benzina, oltre il 40% del costo effettivo. Nell’ordine le tasse inglobate per ottemperare un’urgenza di gravità nazionale lunga oltre 60 anni, dalla guerra di Suez (1956), fino al terremoto nell’Emilia Romagna (2012).